international bordercamp strasbourg

Comunicato stampa della Publix Theatre Caravan da Kassel

this item is available in: [en] [de] [fr] [it]

30.Nov.99 - La Publix Theatre Caravan prosegue il suo percorso verso la Dokumenta di Kassel. Dopo la partecipazione ben riuscita nel campo no border di Strasburgo (19-28-7 http://www.noborder.org) la carovana Ŕ stata invitata alla mostra Dokumenta XI di Kassel. Lunedý 29 luglio nel primo pomeriggio, la carovana Ŕ arrivata nella Friedrichsplatz a Kassel e ha occupato la piazza trasformandola in una noborderZONE . Gli artivisti hanno prodotto trasmissioni radio, distribuito informazioni, intervistato i visitatori della mostra e realizzato azioni teatrali ottenendo un buon consenso da parte del pubblico.

Brutta sorpresa all´arrivo a Kassel!

Dopo qualche ora la PTC è stata invitata a lasciare la piazza dal capo della sicurezza di Documenta XI con la motivazione che la performance rappresentava un rischio per la sicurezza pubblica e che non era stata autorizzata. Nonostante il supporto di alcuni collaboratori della mostra e del pubblico presente, la carovana e´stata minacciata di arresto, immediata espulsione dalla piazza e sequestro del media bus. La polizia ha successivamente identificato gli attivisti.



La ricerca di un compromesso e l´intervento negli uffici dei curatori della mostra sono stati ignorati e la PTC dopo 4 ore di discussioni è stata rimossa dalla piazza con la forza. Ad ogni modo la carovana continuerá ad operare a Kassel nei prossimi giorni reclamando la libertá dell´arte e di movimento.

Il diritto alla libertá di movimento è diventato un´esigenza centrale di gruppi e reti politiche e culturali negli ultimi anni. Il campo Internazionale No Border a Strasburgo è stato un laboratorio di resistenza creativa e disobbedienza sociale. La noborderZONE è il progetto successivo del noborder tour 2001. La PTC sta installando zone autonome temporanee e sperimentando con identitá mutanti e corpi disobbedienti in spazi pubblici e virtuali.

La critica principale è rivolta alla politica della Fortezza Europa, soprattutto allo Schengen Information System situato a Strasburgo. È risaputo che le banche dati del SIS controllano l´immigrazione nell´UE e che ultimamente il controllo è stato esteso anche agli attivisti politici.

Gli artivisti del progetto media-performativo noborderZONE hanno investigato la cittá di Strasburgo attraverso i criteri dei sistemi biopolitici , mappando gli spazi pubblici e collezionando dati sulla composizione della biopolizia e dei dispositivi elettronici di controllo sociale. In ultimo questi dati sono stati connessi al SIS, che e´stato reso accessibile a tutti.

La connessione di spazi virtuali e fisici e i legami tra sistemi artistici e politici sono il terreno di analisi principale del progetto noborderZONE. E´per questa ragione che siamo lieti di mostrare qui a Kassel le connessioni tra spazi artistici e politici e di visitare ed esplorare la Documenta XI.

In occasione della piattaforma 1 di Documenta a Vienna nel 2001, la PTC ha presentato il progetto teatrale itinerante 'no border, no nation!‰(http://www.no-racism.net/nobordertour). A giugno dello scorso anno i componenti della carovana sono stati arrestati e detenuti per oltre tre settimane nel contesto repressivo del dopo G8 di Genova ( il lavoro dell´artista Lisl Pouger che ha documentato i luoghi da cui e´passata la carovana, puó essere visto qui a Kassel). Alla fine di quest´anno verrá deciso se si terrá un processo per le accuse di presunta appartenenza alla fantomatica organizzazione criminale `black block´e di devastazione della cittá di Genova.

Dopo l´espulsione della carovana dal centro di Strasburgo, durante il campo noborder, la prefettura di Strasburgo ha interdetto tutte le azioni noborder in cittá mostrando di agire in maniera repressiva invece di facilitare la libertá di movimento ed espressione. Qui a Kassel, ancora una volta, si è verificata la stessa dinamica. Nonostante ció la noborder zone verrá ancora una volta presentata qui a Kassel.



publixtheatre carvan

[noborder.zone]